Ultimi Articoli Pubblicati

Blog

AUMENTANO I TASSI PER LE IMPRESE CON LA FINE DEL QUANTITATIVE EASING



Mario Draghi annuncia la conclusione del programma di Quantitative Easing entro la fine del 2018 



Mario Draghi ha annunciato la conclusione del programma di Quantitative Easing per la fine del 2018. Inoltre la BCE manterrà I tassi bassi sino a giugno 2019.

La previsione però parla di una crescita prossima  dei tassi di interesse. Fatto che deve far pensare con attenzione, soprattutto alle imprese, all’opportunità di accedere, oggi, a condizioni di finanziamento ottime e probabilmente non ripetibili.

Di contro ci sono delle certezze: la ventata di protezionismo comporta un aumento della produttività per rimanere in sella, un fattore di crescita della produttività sono gli investimenti ma molte imprese sono state tardive nella ripresa degli stessi. Le condizioni di mercato oggi sono le più favorevoli per recuperare il tempo perduto: le banche hanno un bisogno vitale di concedere credito, sono disponibili a finanziare a fronte di una struttura patrimoniale e finanziaria delle imprese in linea con i programmi di sviluppo e coerente con le prospettive del settore.



E’ il momento quindi di analizzare la situazione patrimoniale dell’azienda, in vista di uno spostamento dell’indebitamento a breve termine, che comporta tassi e commissioni sicuramente elevati, verso l’indebitamento a lungo termine. Pertanto si dovrà procedere ad una attenta analisi dei valori patrimoniali del bilancio per comprendere dove intervenire.





Cosa succede ai tassi di riferimento dopo la fine del Qe?
La Bce promette nella sua decisione di politica monetaria, con tassi di riferimento rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,40%. Il Consiglio direttivo si attende che i tassi di interesse di riferimento della Bce si mantengano su livelli pari a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l’orizzonte degli acquisti netti di attività. Dopo la fine degli acquisti netti del Qe, il mercato prevede che quel “ben oltre” significa almeno 6 mesi. Quindi se la fine del Qe avverrà il 31 dicembre 2018, il primo rialzo dei tassi (le deposit facilities a -0,40%) non dovrebbe avvenire prima del luglio 2019. C’è chi prevede che il tasso delle deposit facilities ci impiegherà almeno 6 mesi per arrivare a quota 0%. Se non di più: tutto dipenderà dall’inflazione e dalla crescita economica. E dalla stabilità dei mercati finanziari.


 

2